WORDS-CARE: SKIP BEAUTY

Un trend beauty può diventare una filosofia di vita?


Dopo il successo della k-beauty, la routine di bellezza quotidiana made in Corea improntata sulla successione di sette o più passaggi tra detersione e idratazione, approdiamo - complice senz'altro il momento storico- al suo trend opposto, sempre di provenienza coreana: la skip beauty - da skip, saltare in inglese.

Filorga Skip BeautyArtist Pax Paloscia

Il fenomeno nasce sull’onda lunga del movimento femminista Escape the Corset, fuggi dal corsetto, che mette a paragone la costrizione del bustier con i rigidi ideali estetici imposti alle donne coreane (e non solo) e le relative routine di bellezza alle quali si sottopongono per soddisfarli. La Skip beauty nasce quindi in primis come moto di ribellione, per diventare una filosofia di vita che libera la quotidianità da una routine di bellezza che -nonostante sia del tempo speso per sé- può essere vissuta come un'imposizione culturale e non come un momento di cura di sé.

Non solo in Oriente, la skip beauty ha trovato terreno fertile anche in Occidente -soprattutto tra i Millennials- anche in seguito al successo della scrittrice giapponese Marie Kondo e alla diffusione del suo metodo, il Konmari, per l’eliminazione del superfluo dall’armadio quanto tra i pensieri. Il metodo, che si basa sulla selezione degli oggetti essenziali per la nostra vita e sulla riduzione dell’accumulo, ha risvolti interessanti anche applicato alla skin routine: scegliere pochi cosmetici di elevata qualità e quanto più possibile multitasking.

Meno, ma meglio


Nell’ottica di semplificare la routine e di selezionare solo il necessario bisogna ricordare quali sono le necessità fondamentali della pelle: pulizia, idratazione e protezione dagli agenti esterni per preservare la funzione barriera della pelle (questa dipende dall’integrità del film idrolipidico, ovvero di quello strato superficiale, composto di acqua e sebo, che ne regola l'idratazione).

Nella prospettiva di una skincare minimale saranno da preferire detergenti delicati, ma allo stesso tempo efficaci contro le impurità e l'inquinamento, e creme a base di vitamine, antiossidanti e agenti idratanti che permettano in un unico passaggio di accorparne diversi per ottenere quindi molteplici benefici.

La skip beauty è a vantaggio di chi non ama dilungarsi nella skincare: con pochi prodotti multitasking può soddisfare diverse necessità della pelle, anche a vantaggio di chi ha una cute reattiva che più facilmente potrebbe incorrere ad arrossamenti sovrapponendo più formulazioni.

 

QUESTO CONTENUTO E' STATO ISPIRATO DA SCRUB&MASK

 

Filorga   Filorga   #15 Scrub & Mask   Dsc 3816   2000x2000

Trattamento esfoliante e maschera riossigenante in un solo gesto. Texture effervescente